logotype
26 -July -2017 - 08:41

BREZINOVA E MELISSARI SUGL ISCUDI, CATANIA S'IMPONE ANCHE SU ANCONA

Tre partite perse all’ultimo…e quest’ultima a Catania brucia come le altre. Purtroppo sarà per inesperienza o per lucidità nei momenti topici, e qualche decisione arbitrale discutibile. La Vesta Droptek avrebbe potuto avere 6 punti in più in classifica ed invece si ritrova con un “pugno di mosche” nelle mani. E dire che in terra sicula, le anconetane erano partite a spron battuto portandosi sul +8 (14-22), con Sordi, Rebane e Madonna a farla da protagoniste. Poi un parziale terrificante di 22 a 7 con Melissari e Brezinova sugli scudi e si va all’intervallo sul 36-29. Il terzo quarto è ancora botta e risposta da una parte e dall’altra e Catania comunque mantiene i 7 punti di vantaggio (57-50). Nell’ultimo parziale Sordi & co ci mettono il solito cuore recuperando lo svantaggio. Nell’ultimo minuto si è ancora sul 63-62. Poi due tiri che girano nell’anello e un paio di decisioni arbitrali opinabili fanno sì che L’Olympia Catania porti a casa la partita (67-62). Sabato prossimo ci sarà comunque la rivincita, con le doriche che ospiteranno al Palarossini le catanesi con l’auspicio che questa volta il verdetto sul campo sarà diverso!!.

Olympia Catania 68: Guerri, Buzzanca 15, Ferlito, Servillo, Pavia 11, Seino 6, Anechoum, La Manna, Melissari 15, Brezinova 20.
All. Porchi

Vesta Droptek Ancona: Di Sario, Redolf 5, Moroni 10, Sordi 19, Cadoni 1, Rebane 14, Formiconi, Mataloni, Madonna 13, Dell’Olio.
All. Gaspari; Ass. Skrastina
Parziali (14-22;36-29;57-50)