logotype
19 -November -2017 - 13:22

OLYMPIA CATANIA PRESTAZIONE DA GRANDE SCQUADRA

 

L'Olympia Catania mostra carattere e carisma, e dimostra che tra le grandi ci sa proprio stare. Grande prova di squadra nella quale ogni singola giocatrice ha contribuito, sia nella coralità, che nell'individualità, perseguendo un unico obiettivo: aggiungere un altro mattoncino in classifica ed arrivare a quota 8, con morale alto e massima fiducia nel proprio "capitale umano". Dalla prima palla a due entra in campo con determinazione e con il giusto atteggiamento, dando il via ad un match, che non ha sempre avuto ritmi alti, ma che è stato costante nella gestione di casa, e che ha visto le catanesi scappare ed il Bologna inseguire. Le ragazze di Scanzani hanno cercato infatti di ridurre un gap, che è sempre stato a favore delle siciliane e che si è mantenuto quasi sempre su un distacco sul  tabellone, che oscillava dai venti ai trenta punti di differenza. Cinque le giocatrici rossoblu in doppia cifra: la solita trascinatrice Buzzanca, top scorer con 22 punti nel suo bottino personale ed un'alta percentuale di realizzazione, Brezinova, determinante, due volte in doppia con 20 punti e 13 rimbalzi, la gladiatrice Pavia con 17 e vari fondamentali recuperi insieme alla ceca; Melissari cecchina con 15 ed un' ottima prestazione personale, e Seino con 10 e il 100% di realizzazione da sotto le plance. Difesa ben piazzata ed incisiva nell'uno contro uno, nella quale tutte le ragazze di Porchi hanno contribuito, lottando palla su palla e sfruttando gli errori di una Meccanica che, comunque, ha provato a testa alta a contrastare le incursioni chirurgiche delle paddrone di casa. Il primo quarto vade protagonista il tandem Pavia - Buzzanca, tra assist, ribaltamenti in avanti in contropiede e primi centri dalla distanza, oltre a falli subiti, che mandano più volte l'Olympia alla lunetta. Bologna chiama il primo time out a metà tempino sul 10\4 per le catanesi, che già hano fatto capire quale sarebbe stato l'andazzo della partita. Primi cambi per la panchina di Catania, mentre Melissari e Seino iniziano a recuperare palle importanti che finiscono dentro la retina, fino alla bomba di Buzzanca, che chiude i primi dieci minuti. Secondo parziale e Catania non cambia marcia e preme ancora di più il piede sull'acceleratore. Belle giocate di Brezinova e di Seino, che serve palle preziose su assist in avanti, mandando a canestro la lunga Brezinova e Buzzanca, mentre Melissari esalta il pubblico con un'altra tripla: applausi dalle tribune e tanto entusiasmo palpabile. Bologna ci prova con Landi, Cabrini e Crudo ad avvicinarsi, anche con i liberi ogni qual volta viene fischiato un fallo a loro favore. Ma non basta. Già a metà secondo quarto l'Olympia è a più 25. Festival degli asssist e ne approfitta anche una tempestiva Anehoum per andare più volte a canestro, servita da un ottimo passaggio di Servillo, poi ancora Seino per Melissari, che non sbaglia. Si va alla pausa lunga sul più 30.  Nel terzo quarto cala un pò la tensione e si rallenta il gioco, anche se la situazione non cambia sul tabellone. Brezinova regina sotto le plance, regala un paio di canestri con gesti tecnici non da poco, nonostante non sia un momento in cui si segna molto e le due squadre sembrino abbiano un po mollato: qualche errore da entrambe i lati, minimo sforzo, comunque massimo guadagno per Catania. Bologna ne approfitta, ma dura poco. Buzzanca mette la sveglia e centra dalla distanza, seguita da Seino e Brezinova sulla sirena. L'ultimo quarto vede le bolognesi un po più reattive, nel tentativo di limitare i danni, e l'Olympia continuare nella sua rincorsa alla vittoria, alzando nuovamente i ritmi e dando il meglio fino alla sirena finale: bel gioco e qualità. Ping pong di assist e canestri: Ferlito e Melissari per Brezinova, Brezinova per Anechoum, che fa 90 da sotto, e ancora Melissari per la ceca e Ferlito da dentro la lunetta. Catania c'è e si vede e sulla sirena finale esce dal campo con tanta soddisfazione e consapevole delle proprie potenzialità. Prossimo appuntamento sabato 1 Marzo sempre al Palacatania alle 18,00, per il recupero del match contro la Droptek Ancona, ultima di andata per le due squadre. 

Addetto stampa Maria Luisa Lanzerotti Olympia 68 Catania.